Canone Rai in bolletta da Gennaio 2015

Le dichiarazioni del sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli sono molto chiare: «Il canone Rai sarà in bolletta elettrica dal gennaio 2015, in linea di massima sulla seconda casa è escluso» e che «legarlo all’Irpef mi pare complesso e farraginoso». «Contiamo di presentare in Senato un emendamento alla legge di stabilità per inserire questa norma – ha spiegato il sottosegretario – con l’intenzione di renderlo effettivo già da gennaio dell’anno prossimo.

Con questo strumento consideriamo di recuperare in modo pressochè totale l’evasione.«La scelta vera – ha continuato Giacomelli – è che, d’accordo con Rai, la nostra intenzione è di non trasferire alla Rai in aggiunta al gettito attuale l’evasione recuperata ma abbiamo deciso di restituirla interamente ai cittadini, abbassando fortemente il canone».

Giacomelli ha quindi escluso il pagamento per le seconde case: «tendenzialmente l’idea è quella di evitare che chi ha la seconda casa paghi di più. Anzi, diciamo che in linea di massima sulla seconda casa è escluso. Qui si tratta di capire – ha precisato Giacomelli – come introdurre qualche punto di equità. C’è chi dice che potremmo incrociare i dati del reddito, e legare il canone all’Irpef, io sono un pò perplesso su questa possibilità. Legato all’Irpef mi pare molto più complesso e farraginoso».

E quando si parla di “evasione”, ci mettiamo letteralmente nei “panni” delle Aziende italiane che trovano “rifugio” all’ estero, non parliamo di aziende offshore ma di realtà aziendali messe nella condizione di chiudere in Italia e trasferirsi in altri Paesi per non chiudere. Se sei un’Azienda “strozzata” dalla burocrazia, Upward, Consulenti del lavoro, ha realizzato servizi e soluzioni su misura! Operiamo online su tutto il territorio nazionale.

By | 2015-06-10T10:24:10+00:00 novembre 26th, 2014|Aggiornamenti fiscali|0 Commenti

Lascia un commento