Il 730 costerà 10 milioni di euro in più!

Una notizia che sta gettando letteralmente nel panico milioni di italiani: il 730 costerà 10 milioni di euro in più!

Nella bufera il 730 precompilato, che secondo le dichiarazioni del segretario della Cgia, Giuseppe Bortolussi,  invece di semplificare le procedure, rischia di renderle più costose alla maggioranza degli italiani. A pagarne maggiormente le conseguenze, saranno i dipendenti ed i pensionati, ma non andrà meglio neppure per le imprese.  «Secondo l’Agenzia delle Entrate – spiega Bortolussi – l’operazione interesserà oltre 14 milioni 300mila modelli, pari al 71,5% sul totale nazionale di quasi 20 milioni di modelli precompilati. A nostro avviso, almeno due terzi dei contribuenti, pari in termini assoluti a circa 10 milioni, saranno costretti a ricorrere a un intermediario».

Dove sta il vero problema?

In una sola parola: ““responsabilità”. Se fino allo scorso anno l’intermediario, in caso di errore, rispondeva delle sanzioni, ora risponde anche della relativa imposta, ma non finisce qui, le violazioni ripetute portano a rischiare la revoca dello svolgimento dell’attività. Questo è sicuramente uno dei motivi per cui suggeriamo a tutte le Aziende ed ai professionisti di rivolgersi ad Upward, Consulenti del Lavoro, che grazie ad uno staff preparatissimo, è in grado di seguire le Aziende ed i professionisti nelle pratiche burocratiche con i vari enti, suggerendo anche i migliori servizi e le strategie aziendali mirate. Le Aziende ed i professionisti che vogliono provvedere da soli, rischiano di incombere in errori che potrebbero costare cifre davvero sconsiderate oltre alla perdita di tempo ed a una serie di problematiche che poi si andrebbero a scaturire. Farsi seguire da seri professionisti è invece l’invito che arriva direttamente anche dal segretario della Cgia, Giuseppe Bortolussi. Anche ai Consulenti del Lavoro è stato  richiesto un adeguamento e la massima responsabilità, per questa ragione noi siamo da sempre vicini ai tutti i nostri Clienti e ci impegniamo in una professione che ancora è in grado di far crescere le Aziende ed i professionisti italiani.

 

By | 2015-03-27T11:04:54+00:00 marzo 27th, 2015|Aggiornamenti fiscali|0 Commenti

Lascia un commento