Cosa Prevederà la Legge di stabilità e il Jobs Act

Annunciato il Jobs Act dal premier Renzi, il governo intanto procede in parlamemento sulle modifiche alla Bozza di Legge di Stabilità. Ultimamente avevamo parlato dando informazioni sui punti previsti nella bozza della Legge di Stabilità, che interessano tutte le Aziende. Per questo motivo avvantaggiamo tutti i nostri Clienti con servizi e soluzioni personalizzate alle Aziende offendo anche con preventivi gratis online. Ma vediamo nel dettaglio quelle che sono le previsioni: una “tiepida ripresa”.

Nel 2015 (+0,6%) e un debito ancora alle stelle, con un picco nel 2015 del 133,8% anche a causa di un «Pil piatto». Per questo il commissario Ue per la crescita e gli investimenti Jyrki Katainen ricorda che i debiti elevati «non garantiscono la crescita» e invita a rispettare la «regola del debito». Tutta l’Eurozona resta comunque in difficoltà e la Commissione prevede che nel 2015, la ripresa sarà lenta.

Come Renzi, anche il ministro dell’Economia Padoan difende la Legge di Stabilità, non solo, lo stesso Padoan ha anche rassicurato sul rischio di un aumento delle tasse dal 2016, “se dovessero scattare le clausole di salvaguardia sull’ Iva”. Gli allarmi arrivano dagli enti locali che definisco la manovra “insostenibile”, e Piero Fassino parla addirittura di rischio default per le nuove città metropolitane e le province che potrebbero non essere più in grado di assicurare servizi fondamentali come la manutenzione delle strade, le scuole, il trasporto pubblico locale e anche gli stipendi del personale.

C’è malessere anche fra le pmi per la norma sul Tfr in busta paga: «Per noi – sostiene Rete Imprese Italia – se tutti lo chiedessero sarebbe un disastro».

In più per tutte le Aziende abbiamo attivato  lo sportello tirocini e le nostre soluzioni per i call center aiutano gli imprenditori a  crescere perchè offriamo diverse soluzioni personalizzate per fare vero business ed aumentare il fatturato con nuovi clienti.

Contattaci subito!

By | 2015-03-24T18:39:43+00:00 novembre 7th, 2014|Normativa sul lavoro|0 Commenti

Lascia un commento