Compenso dell’amministratore SRL vantaggi costi busta paga e verbale assemblea

Qui potrai approfondire alcune particolarità sul compenso dell’amministratore di seguito troverai i punti trattati e molto altro

  • calcolo compenso dell’amministratore srl
  • fac simile delibera compenso amministratore
  • oneri fiscali e deducibilità del compenso
  • contributi inps in relazione all’importo erogato in busta paga
  • contibuti e adempimenti inail
  • cosa è il tfm
  • l’amministratore può  essere anche un socio della società
  • esempio busta paga amministratore

Il compenso degli amministratori all’interno della gestione fiscale delle società di capitali genera sempre molto interesse, nonché alcuni dubbi relativi sia a come dev’essere calcolata la busta paga dell’amministratore, sia riguardo la sua dichiarazione a fini fiscali, e anche se sia prevista deducibilità e in quali misure. Alcune volte i dubbi riguardo il compenso dell’amministratore si riferiscono anche in particolare alla gestione della busta paga dell’amministratore e il relativi costi per la società e su come redigere il verbale.

Se stai leggendo questo articolo è perchè vuoi avere una visione più chiara sull’argomento e di seguito analizzeremo i punti di cui sopra con un approccio semplice e intuitivo.

Per una consulenza specialistica e per la redazione della busta paga dell’amministratore chiedi un preventivo sul bottone che segue, inoltre i nostri consulenti del lavoro potranno analizzare per te i vantaggi fiscali e i costi relativi alla gestione amministrativa.

Preventivo busta paga

Richiedi ora di parlare con un nostro consulente del lavoro su questo argomento e se diventi nostro cliente il costo su questa consulenza ti verrà completamente rimborsato!

COMPRA SUBITO UNA CONSULENZA SU QUESTO ARGOMENTO E SE DIVENTI NOSTRO CLIENTE TI RIMBORSIAMO IL 100%
CLICCA QUI E OTTINI UNA CONSULENZA
Richiedi una consulenza telefonica

Come si calcola il compenso dell’amministratore di srl

Innanzitutto è bene sottolineare che l’ammontare dello stipendio dell’amministratore di Srl, se non è già stabilito dallo statuto societario, viene deliberato dall’assemblea dei soci.

Se il compenso non viene deliberato, ma egualmente erogato può essere soggetto a sanzioni, così come il compenso seppur deliberato dai soci, elargito in maniera superiore a quella concordata. Inoltre in entrambi i casi si hanno problemi di deducibilità a fini fiscali.

Se invece l’amministratore possiede cariche peculiari, allora il suo compenso verrà stabilito dal consiglio di amministrazione della società, previo consenso del collegio sindacale.

Il compenso può essere calcolato in diversi modi:

  • in misura fissa: le quote di deducibilità dipendono, a questo punto, dalla data fissata per il pagamento;
  • in misura variabile e dipendente dagli utili conseguiti dalla società: il compenso in questo caso è calcolato sugli utili netti che risultano dal bilancio societario a cui deve venir sottratta la quota di riserva legale. La somma che deriva da questo calcolo è soggetta a contribuzione previdenziale;
  • in misura mista: sia in base agli utili, sia in misura fissa;
  • in base al volume d’affari: a questo tipo di calcolo dello stipendio dell’amministratore si aggiungono, sia un rimborso spese per l’esercizio del mandato, sia una serie di benefit di natura economica o altra natura come l’uso dell’auto aziendale o di un appartamento.

Questo tipo di conteggio di solito non è da preferire per il calcolo del compenso dell’amministratore. Bisogna aggiungere che l’amministratore può svolgere il suo mandato e la sua attività anche in forma totalmente gratuita, la legge lo prevede, ma è consigliabile in tal caso comunque effettuare una delibera chiara in merito, con espressa accettazione dell’assenza di stipendio da parte dell’amministratore stesso.

Fac simile verbale assemblea compenso amministratore

Di seguito un esempio indicativo di come potrebbe essere scritto il verbale in cui viene stabilito il compenso dell’amministratore di una SRL.

SOCIETA’ XXX
VIA ROMA, 20 – 81XX ROMA (XX)
C.F. 123456789

VERBALE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

L’anno 2013 il giorno 14 del mese di Giugno, alle ore 08:40, si riunisce presso la sede sociale della società XXX l’assemblea ordinaria dei soci. Sono presenti I soci rappresentanti l’intero capitale sociale e l’Amministratore Unico.

Assume la presidenza dell’Assemblea la Sig.ra XXXXXXXXXXXXX, Amministratore unico, e su proposta dello stesso l’Assemblea chiama a fungere da segretario la Sig.ra XXXXXXXXXXXX che accetta e procede alla stesura del presente verbale.

Il Presidente constata e fa constatare che l’assemblea è valida, anche senza formale convocazione, in quanto nel rispetto delle norme statutarie e dell’art. 2366 del C.C., sono presenti tutti i soci che rappresentano l’intero capitale sociale e l’amministratore.

Ordine del giorno

1) Determinazione compenso all’Amministratore;
2) Varie ed eventuali.
Il Presidente dichiara quindi aperta la seduta e passa alla trattazione degli argomenti posti all’ordine del giorno. 1° punto odg. – Il Presidente invita l’assemblea a voler deliberare il compenso spettante all’Amministratore.

L’Assemblea, dopo breve discussione, alla unanimità, delibera di determinare il compenso dell’Amministratore in Euro 5.000,00 (cinquemila/00) lordi annui. I suddetti compensi saranno corrisposti dal XX.XX.XXXX al XX.XX.XXX e resteranno immutati sino a variazione da parte dell’assemblea.

Non essendovi altro da deliberare alle ore 09:23 l’assemblea viene sciolta, previa lettura, conferma e firma del presente verbale.

ROMA, XX.XX.XXXX
IL SEGRETARIO IL PRESIDENTE
(Sig.ra XXXXXXXXX) (Sig.ra XXXXXXXXXXXXXXXX)

Ora che sai come redigere il verbale in cui viene stabilito il compenso dell’amministratore potresti essere interessato ad elaborare la busta paga per il compenso dell’amministratore.

Scopri i costi del nostro studio per elaborare la busta paga dell’amministratore della tua società

Preventivo amministratore

Oneri fiscali e deducibilità del compenso dell’amministratore di srl

Per la società è possibile dedurre dal proprio reddito societario il compenso dovuto all’amministratore. E’ necessario, però fare una precisazione, e cioè che la deducibilità cambia a seconda che:

  • il compenso sia in misura fissa: in questo caso esso è deducibile solo nell’esercizio nel quale è corrisposto e il soggetto l’ha percepito effettivamente.

Subentra a questo punto un’ulteriore precisazione da fare, e cioè che se l’amministratore è legato alla società con contratto di parasubordinazione, quindi esercita la sua attività come collaboratore della società stessa, allora il compenso a fini fiscali sarà dichiarato e dedotto se pagato nell’anno corrente e percepito entro il 12 gennaio dell’anno successivo.

Se invece l’amministratore è un lavoratore autonomo e possiede una partita IVA, allora il suo compenso può essere dedotto solo se pagato e percepito entro la fine dell’esercizio;

  • il compenso avvenga con partecipazione agli utili: in questo caso la quota di compenso è quella calcolata sugli utili netti come risultano da bilancio societario da cui prima è stata detratta la quota dovuta come riserva legale. Questo tipo di compenso è soggetto a contribuzione previdenziale, rimane comunque deducibile per la società e apporta una quota in diminuzione nella dichiarazione dei redditi;
  • in caso l’amministratore rinunci al compenso, la società è comunque obbligata a dichiararlo a fini fiscali, è cioè nella dichiarazione fiscale indicherà il compenso come fosse stato incassato dall’amministratore ed esso sarà sottoposto a tassazione ordinaria.

In questo caso, infatti, il compenso non effettivamente elargito, perché preventivamente l’amministratore vi aveva fatto chiara rinuncia, risulta per la società come un utile non distribuito e quindi non deducibile, ma tassabile.

Anche i rimborsi spese se sostenuti spettano all’ amministratore, ad esempio tutti quei costi che egli deve sostenere per le trasferte e gli vengono poi rimborsati dalla società. E’ un bene sempre documentare queste spese al fine di poter dimostrare il costo sostenuto dall’amministratore della società.

Come funziona il pagamento dei contributi inps in relazione al compenso dell’amministratore

Quando un soggetto riceve da parte della società la qualifica di amministratore allora si rende obbligatoria liscrizione all’INPS e di conseguenza il pagamento di tutti i contributi relativi. Se l’amministratore possiede già una posizione INPS, e quindi paga già i contributi all’ente, è previsto uno sconto sulle quote da versare (aliquota ridotta), ciò potrebbe comportare una riduzione dei costi per l’azienda rispetto al pagamento dovuto per un amministratore non iscritto ad altra forma di previdenza.

Qualora subentri la cessazione dell’attività di amministratore, la società o colui che perde l’incarico deve comunicare all’INPS l’avvenuta cessazione dell’incarico e comunque i contributi vanno pagati anche sulla obbligatoria indennità di fine mandato.

Questo è importante anche per stabilire quando subentra il diritto alla pensione, e cioè l’amministratore ha diritto alla pensione di vecchiaia o invalidità (calcolate con metodo contributivo), e i contributi versati potranno essere utili al calcolo della pensione. I contributi INPS vanno versati per 2/3 dalla società e 1/3 dall’amministratore, tramite modello F24.

La data del versamento è fissata per legge entro il 16 del mese successivo a quello in cui il pagamento del compenso dell’amministratore è stato effettuato.

La deducibilità dei contributi previdenziali dovuti all’INPS segue la deducibilità del compenso. Quindi si possono dedurre nell’anno in cui il compenso stesso è deducibile.

Per fare un semplice esempio: se il compenso si deduce nel 2018 perché pagato in quell’anno, allora anche i contributi si dedurranno nel 2018, anche se saranno pagati tramite F24 l’anno successivo.

Adempimenti per l’assicurazione INAIL dell’ amm. per le società di capitali

Qualora l’amministratore abbia accesso a cantieri, e nell’esercizio del suo incarico utilizzi autoveicoli societari o utilizzi macchinari vari, allora va tutelato tramite copertura assicurativa INAIL.

Il contributo è dovuto per 2/3 alla società e 1/3 all’amministratore ed è calcolato sull’ammontare dei compensi percepiti tenuto conto dei massimali e minimali stabiliti dalla legge.

Tutti i contributi per assicurazione INAIL sono deducibili sia a fini Irap sia Ires.

Trattamento di Fine Mandato dell’amministratore di srl

Il TFM è corrisposto dalla società all’amministratore al momento in cui egli conclude il suo incarico presso di essa e cessa ogni attività. Il TFM deve essere preventivamente stabilito in misura fissa, oppure proporzionalmente ad alcune quote di bilancio, o ancora in percentuale sui compensi annuali.

La tassazione a cui è sottoposto il TFM dipende dal suo importo, per somme che non eccedono 1.000.000 di euro la tassazione è separata, per importi superiori a detta cifra la tassazione è ordinaria.

Il TFM può anche essere accantonato, su volere della società, in un polizza assicurativa, questa scelta è la migliore garanzia per la società stessa, di avere senza problemi la disponibilità di denaro necessario a liquidare il trattamento di fine mandato qualora si verifichi il momento di farlo, anche perché la somma accantonata in polizza non sarà mai né sequestrabile né pignorabile anche se la società dovesse fallire.

Caso in cui l’amministratore sia anche socio

Nelle Srl la carica di amministratore unico può essere assunta anche da uno dei soci, oltre che da soggetti esterni alla società. In questo caso è opportuno fare alcune veloci precisazioni in merito:

  • le attività relative all’esercizio della carica di amministratore devono essere nettamente separate e ben distinte da tutte quelle attività inerenti l’essere socio;
  • le attività relative alla qualifica di socio sono esercitate in netta prevalenza e con carattere di abitualità e ricorrenza;
  • le funzioni di amministratore, invece sono sostanzialmente quelle di direzione dell’attività imprenditoriale e di gestione della società;
  • i compensi e guadagni come socio e amministratore sono distinti;

Busta paga amministratore di seguito come viene stampato il prospetto paga dell’amministratore

Fac simile di una busta paga di un amministratore di una società SRL
Richiedi preventivo
Servizi online
Contattaci subito
By | 2018-05-18T17:05:24+00:00 marzo 4th, 2018|News|0 Commenti

Lascia un commento