Il 2016 sarà foriero dello sgravio contributivo sulle assunzioni?

La legge di stabilità del 2016 (ancora da proporre e approvare) prevedrebbe che alcuni punti del 2015 continuassero anche per il prossimo anno. Tra di loro, farà sicuramente piacere alle aziende sapere che potrebbero continuare a puntare sullo sgravio contributivo per le assunzioni a tempo indeterminato, ma con alcune novità. Tra tutte, spicca il fatto che la soglia annua sarebbe stata ridotta alla metà, rispetto al 2015: cioè, un miliardo di euro rispetto al miliardo e ottocento milioni, stanziati quest’anno.

Tradotto in linguaggio più comprensibile, o in cifre (che sono quelle che davvero interessano), attualmente lo sgravio è del 100% in 3 anni, per massimo € 8.060, cioè praticamente un’esenzione completa per chi guadagna fino a € 26.000 lordi all’anno.

Per non perdere questa opportunità contatta il nostro studio per una consulenza immediata, entro il 31/12/2015 è possibile ancora utilizzare la Ex.Legge 190/2014 per le assunzioni a tempo indeterminato e beneficiare dello sgravio annuale fino ad un massimo di 8060 euro l’anno per un massimo di tre anni. Contattaci 0823984410.

E pare che le cose funzionino o almeno così dicono le statistiche, che assicurano che il contratto a tutele crescenti del Jobs Act, nei primi sette mesi dell’anno ha portato a quasi 800.000 nuove assunzioni e una prosecuzione dello sgravio potrebbe assicurare almeno le stesse cifre anche per la situazione del prossimo anno.

Ma l’eventuale estensione, come dicevamo, non è ancora stata approvata e in ogni caso il tetto per il 2016 sarebbe di circa € 4.000, cioè la metà di quest’anno. Il risultato sarebbe uno sgravio totale concentrato su chi guadagna di meno, a scalare in proporzione salendo con gli stipendi. Si possono ipotizzare degli aggiustamenti, ma bisogna comunque tenere presente che il fondo cui attingere è ridotto rispetto a quello del 2015.

Sei interessato ai nuovi benefici contributivi per le assunzioni 2016? iscriviti alla nostra news letter, è possibile parlare con un operatore telematico direttamente nella chat per informazioni di base o telefonare direttamente in sede per fissare un appuntamento che si può organizzare in sede oppure tramite skipe o web conference. Con qualsiasi mezzo UPWARD ti segue ovunque.

By | 2015-10-08T08:48:47+00:00 ottobre 8th, 2015|Normativa sul lavoro|0 Commenti

Lascia un commento