Licenziamenti discriminatori Accordo sul Jobs Act

Niente fiducia alla Camera sul testo del Jobs Act uscito dal Senato – che sarà comunque modificato – ed il  presidente del Consiglio fa sapere che “è possibile che ci sia la fiducia sul testo che verrà fuori dall’accordo di queste ore”.

E ancora: sì al reintegro per i licenziamenti discriminatori e per quelli disciplinari senza giusta causa in determinate. Il Governo si impegna quindi  a salvare il reintegro sui licenziamenti “per motivi discriminatori e per quelli ingiustificati di natura disciplinare, previa qualificazione specifica delle fattispecie” che saranno definite nei decreti delegati.

Da Bucarest, il premier Matteo Renzi dice: “La partita è chiusa, il parlamento voterà nelle prossime ore e dal 1° gennaio avremo chiarezza sulle regole del mercato del lavoro, minori costi per gli imprenditoripiù soldi in busta paga per i lavoratori, una riduzione delle forme contrattuali. Non si tolgono diritti ma si riducono gli alibi”. Con il Jobs Act si interverrà sul “meccanismo dellarticolo 18 che va finalmente superato. E’ un grandissimo passo in avanti”.

E per le Aziende e le pmi che hanno necessità di avere maggiori risposte ma anche una maggiore organizzazione, UpwardConsulenti del Lavoro, grazie al suo efficiente team di esperti, opera con la massima serietà nel settore, proponendo consulenze online, tirocini formativi, servizi call center per le Aziende, e tanti servizi con soluzioni personalizzate a dare il giusto valore al lavoro di tutti e all’operato delle Imprese che vogliono crescere con meno fatica e con più risultati!

By | 2015-03-28T11:09:50+00:00 novembre 14th, 2014|Normativa sul lavoro|0 Commenti

Lascia un commento